Non è vero ma ci credo: tradizione e scaramanzia del matrimonio

Essere superstiziosi è da ignoranti; ma non esserlo porta male
Eduardo de Filippo

Probabilmente molti di noi non si definirebbero mai superstiziosi, io in primis, ma non ho mai incontrato una sposa che nel giorno del suo matrimonio non avesse qualcosa di blu, di nuovo, di vecchio, di prestato e di regalato.
Quindi eccomi qua a raccogliere tutti insieme tutti gli accorgimenti di buon auspicio che si tramandano da generazioni…

Iniziamo con i classici 5 oggetti che la sposa dovrebbe avere con se il giorno delle nozze per “assicurarsi” un matrimonio felice e duraturo:
1. Una cosa vecchia: che simboleggia la vita prima del matrimonio, un legame con il passato, che ha reso la sposa quella che è oggi, e che quindi merita di essere celebrato;
2. Una cosa nuova: simbolo della vita nuova che inizia da quel giorno;
3. Una cosa prestata: per ricordare la vicinanza alla sposa di una persona cara presente nel giorno di “passaggio dalla vecchia alla nuova vita”;
4. Una cosa regalata: a simboleggiare l’affetto di una persona cara;
5. Una cosa blu: il blu è il colore associato alla sincerità e purezza della sposa. La maggior parte delle volte è un piccolo dettaglio presente nella giarrettiera o, nel mio caso un dettaglio dell’abito, del mazzolino, il colore principe del matrimonio 😀

Ci sono poi una serie di curiosi rituali e atteggiamenti radicati nella nostra tradizione, che dietro al loro apparente aspetto bizzarro, nascondono dei significati ben precisi, che spesso non conosciamo.
Sempre “nell’universo sposa”:
L’abito non dovrebbe essere confezionato dalla posa stessa (anche se sarta) perché questo porterebbe sfortuna; sarebbe altrettanto di cattivo auspicio se lo sposo vedesse l’abito prima delle nozze. La sfiga sarebbe dietro l’angolo anche per quelle spose che osano specchiarsi con l’abito da sposa senza togliersi almeno una scarpa, un orecchino o un guanto…
…un minuto di silenzio per quelle che come me scoprono questa cosa oggi… 😐
Il velo, per essere di buon auspicio dovrebbe essere regalato da una sposa felice.
Finirei questa carrellata di avvisi per la sposa citando il fatto che parrebbe portarle bene, uscire di casa col piede destro.

E lo sposo? Tranquilli ce ne è per tutti! Anche se ad essere oneste lo sposo se la cava con poco!
Se lo sposo è uscito di casa per recarsi in chiesa, non può rientrarvi prima di aver contratto matrimonio per nessun motivo al mondo. Qualora sia smemorato ed abbia dimenticato qualcosa, dovrà delegare qualcun altro per andare a prenderla. Se lo sposo vede la sposa prima del matrimonio… indovinate? Manco a dirlo sfiga anche in questo caso.

Le fedi: non andrebbero provate mai prima del matrimonio; sarebbe un funesto presagio se fossero acquistate contestualmente all’anello di fidanzamento; infine se cadessero mentre vengono portate all’altare, l’unico che potrebbe raccoglierle sarebbe il celebrante.
Beh non a caso in genere sono legate con un nastro al loro cuscino!

I confetti: dovrebbero essere rigorosamente bianchi ed essere 5 in ogni bomboniera. Il numero deriva dal numero delle qualità che dovrebbero distinguere un matrimonio: Felicità, Fertilità, Salute, Ricchezza e Longevità.
Mi permetto un appunto… e la fedeltà??? 🤷‍♀️

Vi siete mai chiesti per quale motivo le spose varcano la soglia di casa in braccio al marito? Mi spiace deludere i più romantici, ma questo non ha nulla a che vedere con il romanticismo, bensì con la credenza popolare secondo la quale se la sposa inciampasse o cadesse per entrare in casa questo sarebbe di pessimo auspicio. Per giustificare il funesto presagio vengono scomodati direttamente gli spiriti maligni, rei di fare lo sgambetto alla sposa.

Il letto degli sposi: la sposa non dovrebbe mai toccarlo, esso dovrebbe essere sistemato solo da donne nubili sotto la supervisione di donne anziane… secondo me ci sta bene un secondo minuto di silenzio…

Ho iniziato mutuando una frase del grandissimo Eduardo De Filippo e terminerei con un vecchio adagio…

Di venere e di marte, non si sposa e non si parte, né si da principio all’arte“.
Non ci si dovrebbe masi sposare di venerdì (giorno degli spiriti maligni) ne di martedì (giorno di Marte, dio della guerra). Secondo questa credenza, il giorno perfetto sarebbe il lunedì, il giorno della luna che porterebbe bene alle spose.

Ecco qua una bella carrellata di tradizioni/superstizioni legate al matrimonio. Direi che ce ne sono davvero per tutti i gusti e che alcune sono veramente molto particolari.

Spero che anche questo bizzarro articolo possa esservi utile, magari per aiutarvi a mettere in campo tutti gli accorgimenti per un matrimonio felice e prospero, perché, come si dice…

Non è vero… ma non si sa mai!

Per altre chiacchiere insieme e qualche curiosità (anche sul mondo matrimonio), non dimenticatevi del nostro appuntamento settimanale ogni giovedì pomeriggio!

Stay Tuned!

Tricks in questo post:
1. Alcune tradizioni e gesti scaramantici legati al matrimonio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *