Realizzare i Coni in Sisal (tutorial)

Ciao a tutti!

Nel post precedente (portariso) ho accennato ai coni  realizzati per il mio matrimonio, ecco come li ho realizzati! Volendo assolutamente dare al mio grande giorno un tocco di originalitá, ho cercato qualcosa  fuori dal comune ed ho scelto un materiale poco conosciuto: il sisal.

Cos è il sisal?sisal

Il sisal é una fibra estratta dalle foglie dell’agave sisalana, utilizzata principalmente per la costruzione di corde, cesti, cappelli e tappeti. È spesso trattato e colorato ed é utilizzato molto dai floral designer, sia sotto forma di fibre libere (ad esempio per simulare dei nidi di volatili) che di fogli.

Ecco come ho realizzato i coni

  1. Per prima cosa, ho realizzato  il logo che volevo si intravedesse nella parte interna del cono usando un programma di grafica, ma basta anche Office Publisher o Office Word.
  2. Su file ho tracciato delle linee molto chiare e sottili per formare 6 quadrati da 10 cm di lato e posizionato il logo in un angolo di ogni sezione. Ho stampato il tutto su un foglio A4 color avorio e  ritagliato seguendo le linee guida traciate. Questa sará la parte interna del cono.
  3. Dopo aver srotolato e il sisla, ho ritagliato un quadrato di circa 11 cm, e lo ho piegato a cono, fermandolo con un punto metallico (nella prima versione li avevo addirittura cuiciti, ma l’operazione richiedeva troppo tempo). Questa é la parte esterna del cono.
  4. Ho fatto passare tra le fibre, un nastro in raso alto 5 mm color panna, e realizzato un fiocchetto che copre il punto metallico. Se non si é molto portati per i fiocchi, si possono comprare giá fatti ed applicarli con una goccia di colla a caldo.
  5. Ho inserito un cono nell’altro e li ho fissati con un altro punto metallico nascosto dietro il fiocchetto.
  6. Soddisfatta del risultato ho iniziato la produzione di massa!

Anche la variante Sisal – Cellophan (quello usato nei i mazzi di fiori) ha un certo fascino!

 Non si spreca nulla!

Siccome la parola d’ordine rimane NO ALLO SPRECO, ho sfruttato anche gli “scarti” di materiale! Nel taglio era rimasto molto sisal, tuttavia non sufficiente a realizzare altri coni a misura. Quindi ne  ho realizzati di piú piccoli, e li ho sistemati sul tavolo della confettata in modo che gli ospiti potessero usarli per mettere i confetti.

La mia esperienza

Mi sono complicata la vita? DECISAMENTE SI. Avevo tanto tempo da perdere dietro a questi particolari? FORTUNATAMENTE SI! Non é stata una passeggiata: non é stato facile trovare il sisal nei colori e nella quantitá che volevo; inoltre ci ho messo un po’ a prendere confidenza con il materiale. Ma ne é valsa la pena? ASSOLUTAMENTE SI! Gli invitati hanno apprezzato molto ogni particolare realizzato.

 

Avete trovato utile questo articolo? Se si CONDIVIDETELO CON I VOSTRI AMICI!

Vorreste tutorial o articoli su altri argomenti? CHIEDETE PURE!

Tricks di questo post:
1. Cosa é il sisal
2. Come ho realizzato i coni in sisal
3. Parole d'ordine FANTASIA E NO ALLO SPRECO
4. Coni? Non solo portariso

Hai giá letto i post precedenti sull’argomento?

I portariso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *