Spazi baby friendly

Ciao a tutti!

Cari genitori, rassegniamoci a due assolute, grandi, incontrovertibili verità:
1) I bambini sono gassosi quindi tenderanno ad occupare tutto lo spazio disponibile (come appunto un gas);
2) Per quanto le loro camerette saranno carine, accoglienti a misura di bambino non saranno mai l’unico posto dove i nostri figli andranno a giocare.

Assodati questi dati di fatto, credo che sia desiderio unanime di tutti i genitori: 1) evitare che casa diventi un parco giochi; 2) limitare la transumanza dei giochi da una parte all’altra della casa.

Ma parliamo di “ordine”.
Se per noi adulti la confusione è fastidiosa , il disordine ha impatti negativi anche sui bambini. Per noi adulti l’ordine è un bisogno estetico, per il bambino è qualcosa d molto più profondo.

“La natura pone nel bambino la sensibilità all’ordine, come costruzione di un senso interno che non è la distinzione tra le cose, ma la distinzione dei rapporti tra le cose, e perciò collega l’ambiente in un tutto dove le parti sono tra lori dipendenti. In tal ambiente conosciuto nel suo insieme diventa possibile orientarsi per muoversi e raggiungere gli scopi; senza tale acquisto mancherebbe il fondamento della cita di relazione” Il segreto dell’infanzia (Maria Montessori)

Come sopravvivere quindi all’invasione di bambole, pupazzi, lego, animali vari di plastica e via dicendo?

Mi spiace ma non ho ancora la risposta universalmente valevole per questa domanda… ma posso dirvi come mi sono organizzata io per limitare il caos a casa 🙂

Avendo la fortuna di avere un ingresso ed un soggiorno molto grandi e anche uno spazio esterno ho potuto realizzarvi alcuni angoli dedicati a G che chiamo i “G Corner” o gli “Spazi Baby Friendly”. Di contro la creazione di questi spazi è stata un po’ una scelta obbligata dal fatto che l’attuale cameretta di G ha dimensioni piuttosto contenute.

Perché Baby Friendly? Perché sono a misura della mia bimba, pensati ed organizzati per farla divertire e sono sostanzialmente solo suoi. Nel nostro caso si compongono di una libreria IKEA, un angolo con piano lavoro e qualche mensola e la sua cucina.

Cosa c’è nei nostri spazi Baby Friendly?
Semplicemente i suoi giochi preferiti del momento. Infatti uso questi corner anche per realizzare una sorta di rotazione dei giochi molto blanda e rudimentale.
Cosa intendo con rotazione dei giochi? la sostituzione periodica di giochi e materiali a disposizione della mia bimba.
Perché si fa? Per lasciare a disposizione un set limitato di giochi, creando un ambiente semplice e stimolante ed anche per permetterle di giocare via via con tutti i giochi, anche con quelli che magari nel gruppo, non avrebbe visto ed usato.
Come scelgo i giochi? Osservando la bimba, vedendo verso quali attività o giochi è spinto il suo interesse e sottoponendole quelli che rispondono al suo interesse o alle abilità che sta sviluppando nel momento.

In genere ruoti i giochi degli angoli di G ogni 2 settimane oppure quando vedo che il suo interesse è scemato. Allo stesso tempo tendo ad aggiungere vicino ai suoi giochi preferiti quelli nuovi acquistati o costruiti che sono della “stessa famiglia” . Per esempio la bimba mangiona è vicino alla cucina, il trova-colori assieme agli altri rompicapo e puzzle.

Ovviamente la rotazione dei giochi non interviene su tutti i G corner, alcuni (ovviamente sono fissi). Ovviamente la cucina non è sottoposta a rotazione (anche perché il suo interesse anziché scemare è sempre crescente), anche il suo “angolo artistico” è sempre fisso e lei sa che quello è lo spazio dove può trovare carta e disegni da colorare, le matite, i pastelli a cera, i pennarelli e le sue tempere. Come fissa rimane sempre la cesta con gli animali che lei adora da sempre e a cui si diverte tantissimo a preparare la pappa con la cucina e a dargliela.

Questa dei corner è la soluzione che abbiamo trovato a casa NoPAnic, che sembra funzionare per me in quanto riduce il numero di giochi in giro e mi aiuta a mantenere l’ordine.
Allo stesso tempo sembra piacere anche a G perché:
– i suoi giochi preferiti sono tutti in un solo posto quindi lei riesce a mantenere il suo ordine;
– inserendo nuovi giochi sempre più sfidanti la sua immaginazione e capacità sono sempre stimolate opportunamente;
– Essendo spazi creati nella stanze più vissute anche da me e mio marito lei è felice di giocarci perché può coinvolgerci e renderci partecipi; mentre se vuole più intimità può sempre andare in cameretta.

Sono una divoratrice di letture sui bambini e quello che mi piace è prendere dalle varie idee e teorie quelle che mi sembrano più adatte alle esigenze della mia famiglia. Per questo forse i “puristi” della rotazione dei giochi troveranno la mia una brutta copia di quella originale.
Questa però è la misura in cui io e G ci sentiamo a nostro agio e per me tanto basta a farmi capire che è la strada giusta per noi.

E voi come si siete organizzati per limitare il caos e l’invasione dei giochi?
fatemelo sapere sono curiosa!

Per altre chiacchiere, l’appuntamento è, come al solito giovedì!
Stay Tuned!

Tricks in questo post:
1. Come ho limitato il caos a casa grazie a degli spazi Baby Friendly;
2. Rotazione dei giochi.

Se hai trovato interessante questo post potrebbe piacerti anche:
Cameretta per la Baby


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *